Cristallo Swarovski, la guida completa - Pizzo cipria e bouquet
blog di gioielli e lifestyle dal 2012
gioielli, lifestyle, blog
7333
post-template-default,single,single-post,postid-7333,single-format-standard,bridge-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.0.4,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Cristallo Swarovski, la guida completa

I termini Swarovski o cristallo Swarovski sono molto popolari nell’industria della gioielleria, ma molte persone sono ancora incerte su cosa significhi effettivamente. Tuttavia, Swarovski è da anni ormai diventato sinonimo di cristallo di vetro di alta qualità.

In questo articolo del blog troverai risposte a domande come “Chi è Swarovski”, “Di cosa è fatto il cristallo Swarovski”, “I cristalli Swarovski sono sicuri da indossare”, “Cosa è meglio: cristalli Swarovski, zirconi o diamanti” e molte altre.

La storia racconta di un l’uomo che da una semplice idea sviluppa un’azienda multimiliardaria. Continua a leggere per scoprire tutto ciò che devi sapere sul cristallo e sull’azienda.

Chi è Swarovski?

Daniel Swarovski è nato nel 1862 nella Boemia settentrionale (l’attuale Repubblica Ceca). Suo padre era un tagliatore di vetro, e possedeva una piccola fabbrica dove Daniel lavorò come apprendista. Nel 1892, l’ormai trentenne Daniel Swarovski inventò e brevettò una nuova macchina da taglio, che utilizzava l’idroelettricità per produrre il cristallo. Questa macchina permetteva di tagliare i cristalli in modo molto più preciso che a mano, l’invenzione apportò nel settore un grande progresso.

Nel 1895 poi la svolta: Daniel, Franz Weis e il finanziere Armand Kosmann fondarono la società Swarovski Company, che originariamente si chiamava A. Kosmann, Daniel Swarovski & Co., o semplicemente KS & Co a Wattens, in Austria.

Nel 1935, il figlio di Swarovski, Wilhelm, creò un binocolo su misura, che in seguito si sviluppò nello Swarovski Optik che fu lanciato 14 anni dopo. Nel 1956, Daniel e Christian Dior svilupparono un effetto “Aurora Borealis” nel cristallo, provocando un’esplosione di scintillii arcobaleno sulla superficie.

L’azienda Swarovski è alla sua quinta generazione e rimane un’azienda a conduzione familiare.

Oggi è suddivisa in 3 principali aree industriali:

  • Cristalli Swarovski
    Questa parte dell’azienda produce principalmente gioielli e accessori in vetro al piombo, comunemente chiamati gioielli in cristallo .
  • Swarovski Optik
    Questa parte dell’azienda produce strumenti ottici, come binocoli, telescopi e mirini telescopici per fucili.
  • Tyrolit
    Tyrolit è un fornitore di utensili e macchine, nonché un produttore di utensili per molatura, segatura, ravvivatura e foratura.

Vuoi promuoverti su questo blog?

Di cosa sono fatti i cristalli Swarovski?

Ma cos’è esattamente un cristallo Swarovski? Prima di tutto, è un marchio di cristalli di vetro al piombo artificiale. In origine, i cristalli di vetro erano realizzati con calce e silice, o alcali. Daniel Swarovski ha aggiunto piombo alla miscela, un elemento in grado di dare cristallo una migliore rifrazione della luce e quindi una maggiore brillantezza.

Sebbene l’azienda non rivelerà mai il processo di produzione, è noto che un cristallo Swarovski è fatto di sabbia, quarzo e minerali naturali. La proporzione esatta di questi ingredienti è rimasta un segreto aziendale, e il processo è stato brevettato. Tuttavia, il prodotto reale è una forma di vetro artificiale ed è composto per il 32% da una concentrazione di piombo.

Il 32% del contenuto di piombo, come detto sopra, aumenta l’indice di rifrazione del cristallo, il quale diventa simile a quello naturale di un diamante. Altra cosa da considerare, è che il cristallo Swarovski ha una durezza Mohs compresa tra 6 e 7, il che significa che è suscettibile a graffi e scheggiature dovute all’usura. Tuttavia, è più duro del vetro standard.


Ecco il processo:

Come viene prodotto un cristallo Swarovski?

I cristalli autentici sono prodotti solo in Austria, dall’azienda di famiglia Swarovski.

Il vetro viene mescolato con piombo e fuso ad alta temperatura.

Per produrre un effetto simile al diamante, la macchina da taglio brevettata da Swarovski consente un taglio guidato dalla tecnologia tanto preciso da poter creare fino a 100 sfaccettature, in modo da creare giochi di luce che si riflettono in varie direzioni.

Dopo questo complesso processo di taglio, il cristallo Swarovski viene quindi lucidato utilizzando un processo brevettato che conferisce al cristallo una finitura di alta qualità.

Alcuni cristalli sono ulteriormente valorizzati da finiture o rivestimenti, come i cristalli Aurora Borealis (AB), i quali hanno un rivestimento metallico. Questo rivestimento rifrange la luce in uno spettro arcobaleno, simile al modo in cui la superficie di un diamante disperde la luce.

SWAROVSKI 125° Anniversario Inciso Annual Edition 2020 Crystal Star Ornamento, 10,2 cm, Multicolore Shimmer

Qual è il valore dei cristalli Swarovski?

I cristalli Swarovski sono più costosi del vetro normale a causa dei materiali che si aggiungono e del complicato processo di produzione. Tuttavia, i nostri cristalli sono più economici della zirconia cubica.

Il prezzo dei gioielli Swarovski è determinato, in parte, da ciò che è popolare nelle tendenze dei gioielli. Ad esempio, negli anni ’90, c’è stato un boom che ha interessato proprio questo cristallo così luminoso, e la forte domanda ha aumentato il prezzo di tutti gli articoli realizzati in gioielleria e bigiotteria.

Il valore del cristallo Swarovski è anche determinato dalla disponibilità o scarsità, dal suo valore storico e dal suo valore di sostituzione. Stimare il valore non è sempre facile.


Set in edizione limitata


Per creare prodotti esclusivi, l’azienda crea solo un certo numero di ogni prodotto e, una volta raggiunto il numero impostato, la produzione viene interrotta. I pezzi in edizione limitata rimarranno più preziosi, anche se dipendono sempre dal mercato e dalla domanda. Alcuni esempi di questi set in edizione limitata sono le statuette realizzate negli anni ’70 e i pezzi decorativi realizzati negli anni ’80.

Logo Swarovski


Il logo Swarovski è essenzialmente il segno distintivo che determina se è autenticamente realizzato dalla casa madre. Controllare se i pezzi hanno il logo, ora l’iconico logo del cigno, è un buon modo per distinguere gli autentici dai falsi. Tuttavia, è anche importante tenere presente che dal 1899 al 1988, Swarovski ha utilizzato il logo Edelweiss.

Condizione


Poiché i pezzi sono realizzati in vetro estremamente resistente che difficilmente mostrano tracce di invecchiamento, Swarovski raramente perde le sue condizioni eccellenti. Tuttavia, la colla utilizzata sui gioielli più vecchi a volte può avere uno scolorimento. Inoltre, un pezzo originale può capitare che si rompa si scheggi, il che ne ridurrà il valore.

Bracciale tennis donna

Confezione


Le scatole Swarovski sono particolarmente importanti per le edizioni annuali, le edizioni limitate e le edizioni numerate, perché sono specifiche dell’articolo e non possono essere sostituite. Le confezioni o scatole in cui vengono forniti alcuni gioielli Swarovski si adattano solo a quello specifico pezzo e lo proteggono perfettamente. Quindi conservare la scatola originale aumenterà il valore del gioiello o del cristallo.

Certificati


Il certificato di autenticità Swarovski è importante per il valore di qualsiasi articolo, ma soprattutto per le edizioni annuali, limitate e numerate. Il numero di edizione sul certificato deve corrispondere al numero sul cristallo e non può essere scambiato con un altro certificato di autenticità, in quanto i numeri non corrisponderebbero.

Set completi


Avere un set completo aggiungerà valore alla tua collezione. L’azienda ha prodotto molte serie ed edizioni annuali, come ad esempio la Chinese Zodiac Collection e la Disney Figurine Collection.

I diamanti Swarovski sono veri?

Oltre ai cristalli, l’azienda ha iniziato a tagliare la zirconia nel 1976, creando Swarovski Zirconia. Essa è una sostanza cristallina sintetica tagliata a macchina e non un vero diamante; non è un diamante sintetico, ma un’imitazione del diamante.

La differenza tra i diamanti sintetici e gli zirconi Swarovski sta nelle loro proprietà chimiche: i diamanti sintetici sono una replica esatta dei diamanti naturali e sono prodotti in laboratorio (invece di essere estratti come diamanti veri), mentre le imitazioni del diamante sono composte da materiali che visivamente assomigliano ai diamanti, ma non condividono le stesse caratteristiche chimiche dei diamanti veri.

Leggi anche: COME SCEGLIERE UN DIAMANTE

I cristalli Swarovski sono sicuri da indossare?

Sebbene il piombo sia una sostanza tossica, indossare i gioielli di cristallo di vetro che hanno un’alta concentrazione di piombo non è, dannoso per il corpo. Il piombo nel cristallo è ciò che conferisce al gioiello Swarovski la sua brillantezza extra, ed è completamente sicuro da indossare .

TUTTAVIA: se dovessi ingerire accidentalmente questo prodotto sarebbe una storia completamente diversa. Attenzione, nel caso dovesse accadere, assicurarsi di prendere i provvedimenti del caso.

Cosa è meglio: cristalli Swarovski, zirconi o diamanti veri?

Come detto in precedenza, questo cristallo è un vetro al piombo artificiale, non una gemma naturale. È prodotto fondendo polveri di ossido di silicio ad alte temperature, proprio per formare un “cristallo di piombo”. In confronto agli zirconi e ai diamanti veri, i cristalli Swarovski sono più bassi sulla scala di durezza di Mohs intorno a un 6 o 7, il che significa che sono soggetti più facilmente a graffi o scheggiamenti rispetto agli zirconi e ai diamanti veri.

Zirconia cubica
La zirconia cubica (comunemente indicata come CZ) è il sostituto del diamante artificiale più popolare perché, ad un occhio inesperto, i diamanti veri e le CZ sembrano identici. CZ è costituito da biossido di zirconio; sebbene si tratti di un materiale diverso con una composizione chimica diversa rispetto ai veri diamanti, si avvicina di più di qualsiasi altra gemma alle caratteristiche di un diamante.

La CZ naturale fu scoperta nel 1899, sebbene la CZ artificiale non entrò in produzione per noi in gioielleria fino agli anni ’70. I cristalli CZ sono realizzati fondendo insieme zirconio in polvere e biossido di zirconio e riscaldandoli a 4,982 gradi Fahrenheit. Una volta terminato il processo di riscaldamento, il cristallo CZ viene tagliato nel disegno e nella forma di un diamante. È inoltre possibile aggiungere colori diversi per rendere il cristallo CZ più simile a un diamante. CZ è molto più conveniente di un diamante: un diamante impeccabile da 1 carato costa circa $ 7.000, mentre un impeccabile CZ da 1 carato può arrivare a partire da $ 10. Tuttavia, il prezzo della CZ può arrivare a centinaia di dollari, a seconda della qualità della CZ.

Sebbene, a prima vista, CZ assomigli a un diamante, un esame più attento rivela le sue differenze. Ad esempio, CZ ha una gravità di 5,6 e 6,0, il che significa che è 1,6 volte il peso di un diamante. Sulla scala di durezza di Mohs, è elencato come un 8 (contro il diamante, che è un 10). CZ ha un indice di rifrazione di 2,176 e un potere dispersivo di 0,060, il che significa che non è duro come un diamante ed è meno brillante di un diamante. Tuttavia, CZ mostra un fuoco più prismatico di un diamante, il che significa che mostra più scintillii di colore.

Un altro punto principale di distinzione tra CZ e diamanti reali è che i diamanti naturali mostrano impurità, mentre CZ no. Anche la CZ è di colore chiaro (ei diamanti non lo sono), ma la CZ può essere colorata aggiungendo ossidi di metallo nel processo di produzione. CZ è più fragile dei diamanti e più suscettibile all’usura, come scheggiature e graffi nel tempo, quindi è importante prendersi cura dei gioielli CZ più dei gioielli con diamanti.

CZ è più resistente dei cristalli Swarovski e può essere tagliato con più sfaccettature. Questo offre una migliore rifrazione della luce rispetto ai cristalli Swarovski e quindi una migliore brillantezza.


Diamanti veri
I diamanti veri sono gemme naturali composte da atomi di carbonio disposti in una struttura particolare. I diamanti veri sono estremamente duri e si classificano 10 sulla scala di durezza di Mohs da 1 a 10. I diamanti hanno un prezzo estremamente costoso, ma il prezzo è anche regolato dalle 4 c: carati, taglio, colore e chiarezza . È raro trovare un diamante che non contenga difetti e la maggior parte dei diamanti si tinge di giallo o marrone.

I diamanti hanno un alto indice di rifrazione di 2.417 e una dispersione di 0.044, il che significa che c’è una separazione dello spettro dei colori quando la luce lascia il materiale del diamante e quando entra nell’aria. L’angolo di rifrazione si piega e separa la luce bianca in diversi colori, dandoci uno spettro di colori.

Cosa rende i cristalli Swarovski così speciali?


I cristalli sono così speciali per 2 ragioni principali: la formula chimica segreta e brevettata e la macchina da taglio ad alta precisione brevettata.

La combinazione di entrambi questi elementi è ciò che crea i cristalli di fama mondiale.

Oltre al processo di produzione, i cristalli sono speciali grazie alla struttura dell’azienda.

L’azienda produce molto più che semplici cristalli: crea telescopi, binocoli, strumenti abrasivi, e persino sistemi di illuminazione stradale. Nel complesso, l’azienda è una delle più innovative e creative: dal cristallo gigante in cima all’albero di Natale del Rockefeller Center alla copertura di oggetti di design con migliaia di cristalli.

Come capire se un cristallo Swarovski è originale

I cristalli sono lucidati e tagliati a macchina di altissima qualità al mondo, quindi è importante determinare se i tuoi cristalli originali! Sfortunatamente, l’elevata richiesta di articoli di lusso, tende a produrre molti imitatori.

L’azienda crea i suoi prodotti con un composto speciale che produce un’incredibile brillantezza e una tavolozza di colori che gli imitatori non possono replicare. Ma, con così tanti cristalli diversi là fuori, come si determina quale è il vero e quale è un’imitazione?

Fortunatamente, abbiamo alcuni suggerimenti per aiutarti a determinare se un cristallo Swarovski è reale:

  • I cristalli generalmente non sono infilati. L’unica eccezione sono le perle.
  • Trova la confezione originale. La confezione più recente è sigillata con un autentico ologramma color argento che recita: “Cristallo Swarovski”.
  • I cristalli sono perfettamente uniformi. Poiché sono tagliati a macchina, ogni cristallo è uguale con la stessa altezza, larghezza e inclinazione.
  • Ogni cristallo è tagliato con precisione. Secondo l’azienda, “tagliare materiali duri come cristalli e gemme, in modo che abbiano cento sfaccettature identiche in più direzioni, è un compito molto complicato; ogni direzione della luce riflessa deve essere prima calcolata dal computer, quindi questa deve essere simulata in 3D, ottimizzata e infine convertita in programmi di controllo per macchinari complessi “. Questa tecnologia non è facile da replicare.
  • Giuntura delle faccette “rivolta verso l’alto”. Ciò significa che le giunzioni delle faccette di tutti i cristalli si incontrano esattamente negli stessi punti.
  • I cristalli hanno una lucentezza superficiale uniforme. La finitura AB non produce segni a differenza dei pezzi imitazione, che spesso presentano graffi o vortici, dando agli impostori una superficie dall’aspetto “oleoso”.
  • Nessuna bolla all’interno del cristallo. Se vedi delle bolle all’interno del cristallo, puoi essere certo che è falso.
  • Il cristallo farà brillare i suoi concorrenti. Grazie ai suoi speciali composti di vetro, il nostro avrà più brillantezza di qualsiasi altro concorrente, senza dubbio.

Mi auguro che questa guida abbia chiarito tutte le domande riguardo ai cristalli o ai gioielli Swarovski, ora sai di cosa si parla. Per qualsiasi altra domanda non esitare a chiedere!

Nessun commento

Inserisci un commento