Un caffè ad Amalfi e un appuntamento romantico al fiordo di Furore. Sulle orme della Magnani e Rossellini

fiordo di furore

fiordo di Furore

Finalmente Aprile, domenica e caldo. Dopo un risveglio lento fatto di caffè e attente valutazioni del tempo dato per incerto, decidiamo pigramente di dirigerci verso la costiera amalfitana, a dir la verità senza un programma ben preciso, visto che non ho avuto il tempo di pensarci, ma con un’immagine ben nitida nella mente: il fiordo di Furore.

La radio ci avverte prontamente che c’è stato un brutto incidente sulla strada statale che porta verso la costiera amalfitana, quindi scegliamo il tragitto alternativo e prendiamo l’autostrada A30 per Salerno. Lungo il viaggio consulto via web le strutture intorno al fiordo di Furore, e la mia attenzione si concentra sul ristorante l’Incanto, soprattutto perché vanta una terrazza panoramicissima, ideale per fare un po’ di foto.

Come previsto, arriviamo a Furore proprio ad ora di pranzo, visto che eravamo già partiti tardi, quindi rimandiamo l’esplorazione e ci catapultiamo nel ristorante con l’idea di spezzare l’appetito con una sola pietanza, in modo da non appesantirci.

Invece no, non resistiamo, e dopo l’aperitivo già abbondante proseguiamo con antipasti e primi a base di pesce, nella specie spaghetti al nero con pomodorini e scampi, e riso carnaroli agli agrumi con gamberi, annaffiati con poco vino perché se no addio pomeriggio, ci saremmo inesorabilmente addormentati in macchina.

l'incanto furore visitcampania

Ristorante l’Incanto

Ringraziamo i gentilissimi proprietari e proseguiamo verso il Sentiero degli Innamorati, destinazione da loro fortemente consigliata, rimandando ancora un pochino la visita al fiordo di Furore.

Sentiero degli Innamorati a Furore visitcampania

Sentiero degli Innamorati a Furore

Si tratta di un sentierino agevole e molto panoramico, con vista a picco sul mare. Da qui si scorgono altri percorsi più articolati, la vegetazione tipica della macchia mediterranea si compone di lecci, agavi, lentischi, rosmarini e carrubi.
Guardando questo luogo incantato, immagino che il Sentiero degli Innamorati si chiami così perché di sera, soprattutto d’estate con la luna sul mare, deve essere spettacolare e davvero molto romantico.

fiordo di furore amalfi sentiero degli innamorati

Furore, Costiera Amalfitana

Dopo una lunga pausa fotografica, qui è pieno di panchine e stranamente oggi i turisti sono pochi e rari, decidiamo di raggiungere la vicina Amalfi per un caffè nel borgo marinaro.

Duomo di Amalfi visitcampania

Duomo di Amalfi

Amalfi pizzocipriaebouquet

un caffè ad Amalfi

visit campania Limoni della costiera amalfitana

Limoni della costiera amalfitana

La costiera amalfitana dal 1997, ricordo, é stata dichiarata patrimonio dell’Unesco, e come ci aspettavamo, in questo che é il centro più importante, i turisti abbondano, anche se oggi non tantissimo come durante l’estate. Ci fermiamo per un po’, scattiamo altre foto e poi finalmente via verso il fiordo di Furore, che incontreremo lungo la strada per il rientro.

fiordo di furore visitcampania

fiordo di Furore dall’alto

L’impatto ci lascia senza fiato. Solo una parola: meraviglioso, come anche i dettagli romantici che fanno parte della storia di questo angolo magico.

fiordo di furore visit campania

il mare limpido al fiordo di furore

Questo luogo così suggestivo é stato teatro della storia d’amore, e del suo ultimo atto, tra Anna Magnani e il regista Rossellini.
Si narra che durante le riprese del film “Amore” arrivarono delle lettere da Ingrid Bergman, la quale chiedeva un incontro con Rossellini, scatenando la violenta gelosia della Magnani.

Si racconta anche che in uno dei ristoranti della zona, durante una discussione, l’attrice lanciò addosso al regista un piatto di spaghetti. Dopo la separazione da Roberto Rossellini, Anna non tornò più a Furore, e regalò la sua casa al vecchio custode.

Ora qui vi è l’eco museo del mare, Villa della Storta, che accoglie la mostra permanente dedicata ad Anna Magnani.

Amalfi, Furore, Costiera Amalfitana visit campania

Se siete interessati agli altri racconti sulla Campania, sulla pagina dedicata a VisitCampania troverete tutti gli altri articoli.

Se siete interessati a visitare queste zone e vorreste consigli per un itinerario personalizzato, contattatemi compilando il form, vi aiuterò volentieri 🙂

Il ristorante l’Incanto si trova a Furore, in Via Nespoli.5 – tel.  089830778 -3343379558

Share