Come indossare un anello da cocktail

anello da cocktail - Oscar De La Renta Russian Gold Anemone ring, Lady Grey Channel ring. Lanvin Polly Ring

anello da cocktail – Oscar De La Renta, Lady Grey Channel, Lanvin – foto credits: Refinery29

Oggi il gioiello sta vivendo un momento di grossa creatività, e la “rivoluzione Alessandro Michele” ha contribuito a lanciare trend che inneggiano al declino dello stile più minimalista in favore dell’eccesso di decori e volumi. Un trend che ha interessato ça va sans dire la gioielleria, e in particolare ciò che riguarda gli anelli.

Anello da cocktail: una storia di trasgressione e opulenza

Se è vero che siamo nel momento in cui l’anello vuole essere protagonista, o più esattamente della pletora di anelli in evidenza, non può mancare da parte mia uno speciale tributo all’anello da cocktail, un classico entrato in auge sul finire dei ruggenti anni Venti come simbolo di trasgressione. L’anello da cocktail infatti era utilizzato dalle donne che facevano uso di bevande illecite e che quindi, con tanto di gemme in evidenza sulle mani, segnalavano la loro presenza in maniera discreta, affidandosi al sottile brillio che si faceva strada nella scarsa illuminazione dei locali sotterranei. Ne deriva che gli anelli da cocktail più belli di sempre siano quelli antichi, di epoca Art Déco. Le donne in quel periodo cominciavano a esprimere se stesse attraverso pettinature, vestiti e gioielli, e questo è il motivo per cui a cominciare dagli anni ‘20 sono stati realizzati tantissimi pezzi creativi e divertenti, l’inizio di una tendenza che divenne poi di gran moda negli anni ‘30, ‘40, ‘50 e così via, fino ai nostri giorni.

Come indossare l’anello da cocktail?

La regola generale prevede che la pietra centrale debba assolutamente essere di grossa caratura, l’anello da cocktail deve primeggiare, abbagliare e trasmettere opulenza. Tra scintillanti diamanti e pietre multicolor tuttavia, non bisogna dimenticare che i gioielli devono esprimere prima di tutto il proprio stile personale, per cui se avete un’anima minimale continuate con la delicatezza delle linee sottili e lasciate agli altri il piacere di eccedere 😉

Bisogna avere le mani grandi? Beh, in realtà le proporzioni sono tutte da considerare, in base al modello e alla forma che si sceglie. Gli anelli ovali e allungati donano eleganza alle dita, facendole immediatamente sembrare più lunghe e aggraziate. Le persone non molto alte e con braccia corte tuttavia, dovrebbero fare molta attenzione alla dimensione degli anelli e dei gioielli in generale, in caso di dita piccole e sottili anche la scelta dell’anello dovrà essere ben oculata.

Quali dita preferire?

Se amate osservare religiosamente le regole del galateo, sappiate che anche qui vige l’editto che destina l’anulare della mano sinistra a segnalare che chi vi indossa un anello sia sposato o impegnato, e bisogna regolarsi di conseguenza. Il mignolo e il pollice per ovvie ragioni non sono adatti agli anelli molto grandi, quindi andando per esclusione, l’anello da cocktail andrebbe indossato all’indice, al medio, e all’anulare destro.

Qualche curiosità sulle dita:

L’indice è legato a Giove ed esprime il concetto di autorità. Indossare un anello all’indice indica desiderio di potere. Il dito medio esprime il desiderio di essere ammirati e di volersi sentire irresistibili. L’anulare invece indica creatività, ed escludendo la mano sinistra per il motivo detto sopra, l’anello da cocktail può essere tranquillamente indossato all’anulare destro, anche perchè la sua posizione rispetto alla mano può mitigare l’eccesso di dimensioni del gioiello.

Anello da cocktail per quale occasione?

Le regole del bon ton raccomandano di evitare gioielli molto evidenti prima delle cinque di sera, e di riservare alle occasioni speciali i monili con pietre autentiche e di grande valore. Sono dettami oramai un po’ superati, e a mio parere se vi siete innamorate di un anello grande ma non eccessivamente importante potete indossarlo tranquillamente per tutti i momenti della giornata.

 

Dove acquistare un anello da cocktail?

Chi è alla ricerca di un anello classico o vintage luxury, oltre alle gioiellerie specializzate potrebbe considerare le case d’asta o anche gli importanti negozi di antiquariato, dove non è raro trovare gioielli d’epoca davvero spettacolari per bellezza e pregio.

Share