Gioielli di lusso ispirati al gioco d’azzardo

Gioielli di lusso ispirati al gioco d'azzardo

Gioielli di lusso ispirati al gioco d’azzardo

Un binomio vincente, quello tra gioielli di lusso e mondo del gioco d’azzardo. Una storia che comincia nel 1976 quando come premio finale delle World Series of Poker, ovvero il torneo che decreta il campione dei campioni, fu introdotto un braccialetto da tenere al polso ed esibire ai propri avversari ad ogni mano di gioco per far ricordare a tutti il proprio trionfo.
I braccialetti WSOP sono diventati davvero famosi quando alla fine degli anni ottanta il gioielliere Mordecai Yerushalmi ha introdotto lo stile che vediamo oggi: oro massiccio, pietre preziose e soprattutto diamanti.
Oltre a questi lussuosissimi braccialetti il mondo del gioco ha anche ispirato diverse aziende produttrici di gioielli e orologi di lusso.
Già negli anni Venti del Novecento grandi nomi come Cartier e Longines proponevano i primi orologi da tasca con la roulette riprodotta sul quadrante. Ma il primo vero boom, però, è databile alla fine degli anni Novanta, quando sono stati realizzati molti esemplari ispirati al gioco: uno su tutti, il Vegas di Franck Muller, ancora oggi in produzione. Si tratta di un orologio da polso, con cassa in acciaio o in oro bianco e vetro zaffiro, che presenta una roulette al centro del quadrante, con cui si può giocare premendo un pulsante. Di recente, invece, la terza edizione dell’Orologio Poker Christophe Claret un pezzo unico che offre anche un gioco interattivo di poker tra due o tre giocatori. Modellato sulla classica variante del Texas Hold’Em, i giocatori potranno attivare la modalità mescola mazzo per ricevere le loro carte coperte. Dopo di che possono cominciare a giocare e quindi attivare il flop, turn e river. Un gong suona con ogni carta che si presenta. Come con il tipico mazzo di 52 carte, sono possibili per ogni giocatore 32.768 combinazioni di mano. Il quadrante dell’orologio è progettato per consentire la visibilità di una sola mano da ogni angolazione.
Anche i gioielli, come già detto, hanno tratto molta ispirazione dalle carte da gioco. Già nel 2008 Christian Dior, che non si lascia scappare mai le tendenze del momento, ha prodotto una linea originale di gioielli dedicati proprio al mondo del poker. Quadri, picche, fiori e cuori che pendono dalle lettere del marchio, posti su collane, braccialetti e orecchini. Accessori eleganti che non possono passare inosservati e che hanno influenzato altre grandi aziende produttrici di gioielli, come ad esempio Morellato che ha creato dei bracciali con dadi e carte pendenti. Anche il prestigioso marchio Tiffany and co ha creato nel 2015 una apposita linea di charms per bracciali e collane interamente dedicata al mondo del gioco: un asso di picche, dadi ed ovviamente l’immancabile ferro di cavallo porta fortuna. Tutto rigorosamente in pieno stile Tiffany.
Senza contare le innumerevoli creazioni artigianali che si ritrovano su Pinterest o su Etsy: gemelli da uomo, earring cuffs, anellini e charms di tutte le dimensioni realizzati in acciaio o in fimo. Molti di essi compatibili anche per i celebri bracciali Pandora. Un vero must have per chi è appassionato di carte e gioielli.
A proposito di artigianato è davvero particolare la parure creata da Ipnotix, un’azienda italiana che mescola l’innovazione della stampa 3D con l’artigianalità delle applicazioni in cristalli Swarovski. La parure, realizzata interamente a mano comprende un girocollo, orecchini pendenti e bracciale raffiguranti i quattro semi delle carte da poker. E’ italiana anche la Poker Collection della Gioielleria Appolloni di Roma che ha realizzato 8 chip di poker: 4 in oro e diamanti, 4 in argento e pietre preziose. Le chip sono dei pendenti della dimensione di circa 3 centimetri ideali per tutti gli uomini e le donne che amano il poker ma non sanno rinunciare al fascino dei gioielli.

Gioielli di lusso ispirati al gioco d’azzardo

La collezione sta già facendo il giro del mondo ed è arrivata persino a Las Vegas dove è molto apprezzata dai poker pro che frequentano i casino della città.
Ovviamente, il trend del poker e del gioco non riguarda solo i gioielli, ma è molto presente anche nella moda femminile e in quella maschile. Gonne, borse o vistose fibbie per cinture da uomo, di tanto in tanto fanno capolino in passerella e tra le star nostrane anche la famosa fashion blogger italiana Chiara Ferragni possiede diversi capi a tema tra cui una clutch con la regina di cuori.
Sembra quindi che il poker abbia lasciato gli stretti confini dei tavoli da gioco e sia approdato nel mondo della moda e dei gioielli portandosi dietro il suo carico ricco di grinta, glamour e divertimento.

[Guest Post]