5 curiosità sui gioielli più famosi di tutti i tempi

Che sia un singolo aneddoto o una storia in tempo reale, anche nel mondo dei gioielli circolano tanti gossip e curiosità, che sicuramente non ci cambiano la vita, ma per chi ama i preziosi possono risultare divertenti o avere anche un valore culturale.

5 curiosità sui gioielli più famosi di tutti i tempi

5 curiosità sui gioielli più famosi di tutti i tempi pizzocipriaebouquet pomellato

curiosità sui gioielli pomellato

Il brand italiano Pomellato, famoso per i colorati cabochon facenti parte della sua iconica “Nudo Collection” di anelli, aprì il primo laboratorio al centro di Milano in una vecchia fabbrica di cioccolato degli anni ‘50.
Oltre seicento persone, tra cui un centinaio di artigiani, lavorano quotidianamente intagliando e personalizzando ciascuna pietra secondo le esigenze del marchio.

5 curiosità sui gioielli più famosi di tutti i tempi pizzocipriaebouquet vancleef e arpel

Ballerina di Van Cleef & Arpels

Il design originario della Ballerina di Van Cleef & Arpels che negli anni si è sviluppato in molti modi, dalle spilla di alta gioielleria ai quadranti o ai pendenti, è stato in realtà creato da John Rubel.
Nel 1915, i fratelli Rubel, appena arrivati ​​a Parigi dall’Ungheria, decisero di aprire un laboratorio di gioielli vicino all’iconica Place Vendôme. Van Cleef & Arpels divenne in poco tempo loro affezionato cliente e in breve prese a monopolizzare gran parte della produzione.
Nel 1939 l’obiettivo della casa dei gioielli francese era di conquistare il mercato americano. I fratelli Rubel si trasferirono a New York, e un anno dopo, mentre John Rubel stava passando una serata in un bar latino del lato di Lower East Manhattan, abbozzò la silhouette femminile di una ballerina di flamenco, sull’angolo della tovaglia di carta del tavolo dove sedeva.
Il giorno successivo mostrò il disegno al capogruppo di Van Cleef & Arpels, all’epoca Maurice Duvallet, il quale immediatamente adottò il progetto.
Oggi alle aste le ballerine d’epoca possono essere presentate sotto il nome di John Rubel o di Van Cleef & Arpels. L’unica peculiarità da scoprire è da chi di loro è stato firmato e quando!

anello da cocktail – Oscar De La Renta Russian Gold Anemone ring, Lady Grey Channel ring. Lanvin Polly Ring

La designazione dell’anello da Cocktail è nata durante il periodo di Proibizionismo negli Stati Uniti, negli anni ’20, dove i locali illegali erano localizzati nei sotterranei. Solo alcune donne avevano possibilità di accesso, e dovevano rispettate due regole:
N ° 1 – avere sempre un bicchiere di alcool tra le mani.
N ° 2 – assicurarsi che tutti potevano notare che possedevano il permesso per le bevande illegali. Per questo motivo, le donne iniziarono ad adornarsi le dita con anelli di grandi dimensioni, montati con pietre di grossa caratura, in modo da attrarre l’attenzione senza lasciare dubbi.

Le curiosità sui gioielli attraggono sempre l’attenzione perchè spesso divengono storia.

Se Jacquie Aiche si ispira ad Elizabeth Taylor per i suoi gioielli, Eugenia Bruni, direttore artistico del marchio omonimo Pasquale Bruni fondato da suo padre, si rifà invece a Jennifer Lopez. La leggenda del cinema è morta troppo presto per poter competere con gli oltre 62,5 milioni di seguaci di JLo su Instagram. Tra le due comunque, sarebbe stata una battaglia amichevole. Per quanto riguarda i due designer di gioielli, sarebbe giusto dire che entrambi hanno guadagnato la loro meritata reputazione grazie alla coerenza e mantenendo il loro percorso sempre affine a ciò in cui hanno maggiormente creduto.

Lorenz Baumer non è solo l’ex-direttore artistico del dipartimento Gioielli Louis Vuitton. È americano dalla nascita di madre francese e di padre tedesco. Ha girato tutto il mondo prima di fermarsi a Parigi nel 1981, all’età di 16 anni. Questo ingegnere specializzato è un surf addict (trascorrere il suo tempo libero tra Hawaï e Biarritz) tanto quanto amante del cibo… due mondi da cui prende tutta la sua ispirazione per creare collezioni di gioielli indimenticabili.

Questo articolo di curiosità sui gioielli è apparso per la prima volta su theeyeofjewelry.

Share